3 giugno 2016

Chi siamo

Il Circolo Gianni Bosio lo fondammo a Roma nel 1972, a casa di Giovanna Marini: c’erano Paolo Pietrangeli, i componenti del Canzoniere del Lazio, un gruppo di teatro e di musica che si era chiamato Collettivo Gianni Bosio, e varie persone sparse. Per parecchi anni ha avuto sede a San Lorenzo, un quartiere romano di grandi tradizioni politiche antifasciste, diventato negli anni ’60 e ’70 anche un luogo deputato della nuova sinistra giovanile. Fondammo prima un bollettino e poi una rivista dal titolo “I giorni cantati”, che ebbe molte reincarnazioni fino all’inizio degli anni ’90, e una scuola di musica da cui prese le mosse il lavoro di Ambrogio Sparagna (non a caso la sua orchestra di organetti si chiama ancora Bosio Big Band), facemmo ricerca su campo di musica popolare, scoprimmo la storia orale, organizzammo spettacoli e seminari.
Poi i tempi si fecero più difficili, anche perché non avevamo sponsor: avevamo sempre insistito su una identità unitaria (uno dei pochi luoghi, in quei tempi, in cui compagni del PCI e della nuova sinistra lavorassero insieme, su contenuti e progetti), per cui non appartenevamo a nessuno; e avevamo sempre insistito sulla capacità di fare da soli, di contare sulle nostre forze senza dipendere da sostegni istituzionali che peraltro nessuno ci offriva. Forse era uva acerba, ma era così.
Poi le cose divennero ancora più difficili, il movimento che avevamo individuato come nostro interlocutore si andò rarefacendo, la musica popolare ebbe una fase di eclissi, e mentre il nostro lavoro veniva crescendo e affermandosi sul piano individuale, come collettivo non ce la facevamo più nemmeno a pagare l’affitto dell’umido seminterrato di San Lorenzo (tanto umido che dovemmo rinunciare al nostro progetto più importante: l’archivio sonoro. Mettere i nastri lì dentro significava distruggerli). Portammo avanti ancora la rivista per un po’, facemmo un grosso convegno per il ventennale della fondazione, ma di fatto all’inizio degli anni ’90 il Circolo Gianni Bosio non esisteva più. Però esistevamo ancora noi, come singoli che continuavano ad avere le stesse passioni di sempre, e soprattutto come un gruppo di amici che erano tenuti insieme dalla storia comunw e da quelle passioni condivise.
Così dopo un po’ di estati e di cene insieme, nel 1999 ci venne voglia di ricominciare: mandammo un messaggio in giro e alla “cena di reinaugurazione” che facemmo al Baffo della Gioconda – un locale di movimento che stava proprio in quello spazio di via degli Aurunci dove avevamo avuto la prima sede del Circolo – ci trovammo un centinaio di persone, tutte legate in modi diversi alla storia del Circolo (compresi modi di cui non ci eravamo nemmeno accorti a suo tempo: l’influenza del Circolo era andata oltre quello che pensavamo). Poi presero contatto con noi persone più giovani, che venivano da studi di antropologia e di storia all’università (ma, soprattutto, da un rapporto con i compagni della Lega di Cultura di Piadena), e da lì abbiamo. ricominciato.. E siamo riusciti a fare cose che allora avevamo solo desiderato, a partire dall’archivio.
Forse aveva ragione il poeta De Acutis, quando la sera del 4 giugno 1999 in cui reinaugurammo il Circolo, cantò che era “solo sopito, non era mai morto”. Almeno nella nostra passione, è sempre stato cosi.
di Alessandro Portelli
in “Il de Martino“. Rivista dell Istituto Ernesto de Martino
n.16-17 – 2005. Giorni cantati. La seconda vita del Circolo Gianni Bosio
Giovanna Marini sul Circolo Gianni Bosio
Premessa dello Statuto del Circolo Gianni Bosio

Alcune informazioni utili per entrare o rimanere in contatto con il Circolo.

Dove siamoIscriversi al CircoloContatti e Referenti

Abbiamo deciso di variare le quote di iscrizione e rinnovo della quota associativa. Ora esistono tre modalità di affiliazione: una tessera “ordinario/a” annuale da 10 euro, una tessera “simpatizzante” da 30 euro ed infine la tessera da “sostenitore/trice” da 50 euro.

La tessera del Circolo Gianni Bosio dà diritto come sempre alla partecipazione e al voto nelle assemblee dei soci e inoltre ad uno sconto del 20% sul prezzo di copertina delle produzioni editoriali e multimediali del Circolo e sulla quota di partecipazione ad alcune tra le iniziative laboratoriali e seminariali che organizziamo.

Tesserarsi è facilissimo. E’ possibile farlo durante tutte le iniziative che proponiamo, presso l’archivio sonoro del Circolo Gianni Bosio (prendendo un appuntamento al 39316111356). E’ possibile anche effettuare un bonifico bancario con la seguente modalità.

IBAN: IT33S0501803200000000155621
BANCA POPOLARE ETICA
BIC: CCRTIT2T84A
intestato a: ASSOCIAZIONE CULTURALE “CIRCOLO GIANNI BOSIO”
indicare nella causale: TESSERAMENTO (annO di riferimento). NOME COGNOME DATA E LUOGO DI NASCITA

per chi si iscrrive al Circolo per la prima volta è anche utile indicare un recapito (telefonico e/o di posta elettronica)

Segreteria
3931611356
segreteria@circologiannibosio.it

Archivio Sonoro e Biblioteca “Franco Coggiola”
Casa della Memoria e della Storia
Via di San Francesco di Sales, 5 – 00186 – Roma

per la consultazione dei materiali d’archivio è assolutamente necessario fissare in anticipo un appuntamento.

Riferimenti

Presidente
Alessandro Portelli: alessandro.portelli@gmail.com

Comunicazione e relazioni con i soci
Mariella Eboli: mariella.eboli@gmail.com
Relazioni ed eventi con la Casa della Memoria e della Storia
Fiorella Leone: mariafiorellaleone@gmail.com