Il Circolo
Il Circolo Gianni Bosio è musica popolare, storia orale, memoria, ricerca, intervento, progetto, mostre, scuola delle musiche… Il Circolo Gianni Bosio è la più grande raccolta di materiali sonori musicali e storici di Roma e del Lazio, una risorsa di memorie e di visioni, una matrice di spettacoli, concerti, seminari, dischi, libri…

La borgata e la lotta per la casa, la riscoperta dell’ organetto, la memoria delle Fosse Ardeatine, le tabacchine del Salento, i cantori della Valnerina, le occupazioni delle terre in Calabria, le immagini dell’Agro Pontino, i racconti e le fotografie di San Lorenzo, il saltarello e il Venerd Santo, le coralline di Torre del Greco, Vallepietra e Maccarese, i minatori del Kentucky, le acciaierie di Terni, i ragazzi di strada del dopoguerra a Roma, la pizzica, la passione di Giulianello, I Giorni Cantati, rivista di culto, i cartai di Isola Liri...

Il primo Canzoniere del Lazio, la musica degli immigrati a Roma, la pasquella di Velletri, il blues, Romolo Balzani, Woody Guthrie, Giovanna Marini, Barbara Dane, Italia Ranaldi, Dante Bartolini, Tonino Zurlo, Paolo Pietrangeli, Piero Brega, Sara Modigliani, Lucilla Galeazzi...

La canzone politica, la canzone di lavoro, lo stornello, l’ottava rima dei poeti a braccio, le zampogne, i pellegrinaggi, i cortei, i cantieri edili, le borgate, l’Alto Lazio, gli Appalachi, la Ciociaria e la Sabina, la Resistenza romana, le storie del ’68, del ’77, della Pantera, del dopo-Genova, e tante altre cose ancora...

Il Circolo Gianni Bosio è una biblioteca, un centro di documentazione, una collezione di dischi, di CD, di video... Il Circolo Gianni Bosio è cinema e immagine, con una rassegna annuale sul documentario etnografico in collaborazione con il Festival di Roma e un sempre crescente impegno nella video ricerca...

Il Circolo Gianni Bosio è un luogo, uno spazio pubblico non statale nel centro di Roma; è persone di generazioni diverse e storie diverse che lavorano insieme per una storia comune...

Il Circolo Gianni Bosio è un’infinità di voci che parlano, cantano e raccontano di uguaglianza, di libertà, di dignità, che fondano sulla memoria la certezza che un altro mondo è possibile.

Alessandro Portelli

Presidente del Circolo Gianni Bosio



La sede del Circolo Gianni Bosio è a Roma
in Via di Sant'Ambrogio, 4
(Portico di Ottavia)

L'Archivio Sonoro e Biblioteca "Franco Coggiola", l'archivio del Circolo Gianni Bosio con riconoscimento da parte della Soprintendenza per i Beni Archivistici di archivio storico di rilevante interesse nazionale si trova all'interno della Casa della Memoria e della Storia del Comune di Roma, in Via San Francesco di Sales, 5 - (Trastevere)

Stay Tuned
Novità e Appuntamenti

Casa della Memoria e della Storia
Martedì 31 marzo 2015 - ore 17.30

Via san Francesco di Sales 5 - Roma


Presentazione di
SEGNALE RADIO

Musica e propaganda radiofonica nell'Italia nazifascista (1943-1945)
di
GIOACHINO LANOTTE

Si tratta di un volume che integra e completa la documentazione sulla “Musica e propaganda radiofonica nell’Italia nazifascista,1945-1945” iniziata con la pubblicazione nel 2012 di “Il quarto fronte” dello stesso Autore. Il ruolo che ha avuto la radiofonia nel delicato periodo della "transizione" 1943-45 riproduce la scissione del Paese in due tronconi: mentre nell’Italia del Sud, sotto il controllo degli Alleati, riprende l'attività delle stazioni antifasciste con le significative esperienze di radiodiffusione partigiana, la RSI assorbe parte dell’EIAR con un suo canale ufficiale dedicato a temi specifici dell'info-propaganda e inventa false emittenti clandestine. Ma, durante il periodo di Salò, la radio, oltre a veicolare informazioni, vuole essere anche fonte di svago con i suoi programmi di intrattenimento: le due dimensioni sono legate a doppio filo nella propaganda di regime. Lo sguardo rivolto al paesaggio sonoro che fa da sfondo all'esperienza di Salò, si profila così come un interessante contributo alla conoscenza di quei drammatici seicento giorni di vita italiana, oltre che una sfida intrigante dal punto di vista storiografico.

Ne parlerà l’Autore con Paola Carucci (Sovrintendente Archivio Presidenza della Repubblica) e Stefano Pogelli (regista RAI e responsabile Archivio storico della RAI). Intervento musicale e di Alfredo Messina.


INGRESSO LIBERO

Info: 066876543



Sito ottimizzato per Firefox, Chrome e Safari
Ultimo aggiornamento:
Webmaster: enrico grammaroli